Attività aerobica e anaerobica

On 5 marzo 2016

Esistono tanti modi per allenarsi: occorre innanzitutto scegliere tra attività aerobica e attività anaerobica.

L’attività aerobica richiede uno sforzo moderato per un periodo di tempo prolungato di almeno 20 minuti. In altre parole l’allenamento aerobico  brucia «zuccheri» prima (glicogeno) e grassi poi (dopo i primi 20 minuti di attività). E’ un’attività di bassa intensità e lunga durata.

Un’attività aerobica condotta con regolarità ed in modo continuo può avere molti effetti benefici sull’organismo: si può, infatti, migliorare le funzionalità cardiocircolatoria, respiratoria e metabolica ed il tono dell’umore. Con un allenamento costante diminuisce gradualmente la frequenza cardiaca e aumenta la capacità respiratoria (maggiore ossigenazione dei tessuti); ciò significa anche maggiore resistenza e minor senso di fatica.
Esempi di sport aerobici sono: la camminata, la corsa (jogging), il ciclismo, il nuoto (a bassa intensità), lo sci di fondo, cyclette e tapis roulant.

Per attività anaerobica s’intende, invece, una attività di potenza: si sottopone il proprio fisico  ad uno sforzo intenso, che non può essere di lunga durata  perché questo potrebbe portare alla presenza di acido lattico e ciò causerebbe un peggioramento della performance perché il suo accumulo porta rapidamente al senso di fatica, al dolore muscolare e all’interruzione dello sforzo.

L’attività anaerobica, quindi,  è caratterizzata da rapide contrazioni muscolari e contribuisce ad aumentare la massa muscolare.

Esempi di sport ad attività anaerobica sono sollevamento pesi, corsa veloce sui 100 metri, atletica pesante.

streetph010[2]…e tutto questo è in Body Line – La Tua Palestra a Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *